Pages Navigation Menu

b&b affittacamere e colazioni

Liceo   Ginnasio  Statale  “A. Caro”

  Liceo  Socio – Psico – Pedagogico/ delle scienze umane –  Fondato nel 1861

 Via  Leopardi, 2       –      63900  FERMO (FM)

tel. 0734/228638 – Fax 0734/224284 – E –mail :

appc01000r@istruzione.it

 

 

COMUNICATO  STAMPA                                                                    Fermo, 1 Ottobre 2012

 

 

Dopo il successo riscosso lo scorso anno, il Liceo Classico “A. Caro” di Fermo, il Comune di Fermo e la delegazione fermana dell’Associazione Italiana di Cultura Classica (AICC) hanno promosso anche per quest’anno una serie di incontri-conferenze che si svolgeranno nei prossimi mesi.

Il primo appuntamento si terrà sabato 6 ottobre 2012 alle ore 17.00 nella Sala dei Ritratti-Palazzo dei Priori a Fermo: il Prof. Paolo Fedeli, docente di letteratura latina all’Università di Bari e uno dei massimi esperti mondiali della poesia lirica latina, terrà una conferenza dal titolo:

“Strategie del commento: l’ode oraziana del Soratte (Carm. 1,9)”

Come lo scorso anno sarà la prima tappa di un percorso che prevede altri incontri sulla cultura classica intesa nel senso più ampio, vale a dire non solo come patrimonio esclusivo di pochi specialisti, ma anche e soprattutto come eredità vitale per tutti coloro che desiderano riflettere in maniera approfondita sui più rilevanti aspetti del mondo contemporaneo, che proprio nel mondo classico affondano le loro radici.

Seguiranno altri appuntamenti con studiosi di primo piano:

1 dicembre: Prof.ssa Stefania Fortuna, Università di Ancona: Terapia nel mondo antico: efficacia, seduzione, suggestione.

19 gennaio: Prof.ssa Antonietta Porro, Università Cattolica di Milano: La nuova Saffo: frammenti dal papiro di Colonia recentemente edito.

23 febbraio: Prof. Marco Ercoles, Università di Bologna: Nuova e vecchia musica nella Grecia classica.

principi.annarita@virgilio.it

Il Prof. Paolo Fedeli insegna letteratura latina all’Università di Bari. Dottore honoris causa nelle Università di Lisbona e di Mar del Plata, editore e commentatore di Orazio e di Properzio, si è occupato soprattutto di poesia latina del I sec. a.C., da Catullo a Ovidio, del romanzo petroniano, dell’oratoria imperiale. Di Cicerone ha curato le edizioni critiche di De officiis, De amicitia, Philippicae e ha commentato varie orazioni.

Dirige “Aufidus“, quadrimestrale di scienza e didattica della cultura classica ed è condirettore del “Giornale Italiano di Filologia”.

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Comment